Spedizionieri e rivoluzione digitale

Dalla società degli oggetti a quella dei servizi digitali.

Rivoluzione Digitale

Lo hanno capito da tempo colossi come Amazon, Google, Apple e Microsoft che hanno basato su questo le loro fortune. Il futuro sarà sempre più digitale, molti oggetti fisici stanno pian piano scomparendo surclassati da servizi online.

Stiamo parlando di servizi video come Netflix che hanno dato un colpo quasi mortale ai DVD, oppure di quelli audio come Apple Music che hanno di fatto reso antiquati i CD (anche se un po' per effetto vintage il vinile è resuscitato). Per non parlare dei servizi cloud per la memorizzazione e condivisione di file, degli audiolibri e degli ebook. A ruota (c'è da starne certi) sbarcheranno anche in Italia i fumetti digitali, al contrario i quotidiani online sono già una realtà.

Cosa c'entra tutto questo con gli spedizionieri? Ad oggi ancora relativamente poco, ma più questi servizi digitali avanzano meno necessità di trasportare beni fisici ci sarà. Questo dovrà necessariamente obbligare le aziende di trasporto a ricalibrare il proprio business, tenendo inoltre presente che i grandi colossi del commercio elettronico come Amazon già stanno testando con successo servizi di consegna automatizzati con l'utilizzo di droni.

Al momento dunque niente allarmismi, la mozzarella digitale non è ancora stata inventata, ma il futuro è tutto da scriversi con la consapevolezza che certi fenomeni globali non possono essere fermati ma bensì dominati e gestiti.

— ivan iotti

#spedizioni #merci #digitale #tecnologia #informatica #spedizionieri #rivoluzione